Rosmarino, la regina delle erbe aromatiche

Rosmarino – rosmarinus officinalis

Regina delle erbe aromatiche, perfetta per insaporire carni e ortaggi e facilissima da coltivare in vaso: il rosmarino è l’erba aromatica per eccellenza.

Rosmarino – Il suo nome deriva da due termini latini: ros (rugiada) e marinus (del mare).

rosmarino
Foto Rosmarino

Si tratta di un arbusto legnoso, tipico della macchia mediterranea che può arrivare fino a 2 metri. Le foglie larghe 2-3 mm e lunghe 10-15 sono sempre riunite in piccoli gruppi, così come i piccoli fiori azzurri, blu, lilla o bianchi. Appartenente alla famiglia della lumiaceae, vanta una sola specie che si declina in numerose varietà, differenti per portamento, colore dei fiori e dimensioni delle foglie. Oltre che in cucina, lo trovi anche in cosmetica: l’olio essenziale ottenuto dalle foglie e dai fiori è utilizzato nei detergenti e nei saponi, per deodorare e rivitalizzare la pelle, nei dentifrici, per rinforzare le gengive, e nei prodotti per capelli per riattivare la microcircolazione del cuoio capelluto.

 

Come si coltiva il rosmarino

Per crescere sano e rigoglioso il rosmarino ha bisogno di poco: si accontenta di un terreno povero di nutrienti, a patto che sia soffice e ben drenato perché i ristagni di acqua possono facilmente provocare la formazione di parassiti. Dopo aver scelto il vaso, puoi distribuire sul fondo uno strato di ghiaia e riempirlo con del terriccio universale o della terra da giardino a cui aggiungi pietra pomice, perlite o sabbia. Qualche chiodo arrugginito sistemato sul fondo garantisce il giusto apporto di ferro. Anche se il rosmarino sopporta bene la siccità, bagnalo ogni volta che, tastando il terreno con un dito, ti sembra asciutto. Dove le precipitazioni sono scarse, bagnalo qualche volta anche in inverno, meglio al mattino, per evitare il rischio di gelate. La cimatura è un’operazione indispensabile per aver piante folte e fitte di foglie fin dalla base. Eseguila in primavere e, se vivi in un clima caldo, anche in autunno: taglia le cime dei rami di 10-15 cm, falle seccare e utilizzale in cucina.

Come moltiplicare il rosmarino

L’estate è il momento migliore per moltiplicare il rosmarino per talea. Ecco come.
Preparazione della talea. Con le cesoie recidi dieci rametti lunghi 10-15 cm . scegliendoli tra quelli semilegnosi (lignificati nella porzione inferiore, erbacei in quella superiore). Stacca le foglie della metà inferiore della talea e taglia i 2, 3 centimetri apicali.
Preparazione dei vasi. Riempi 10 vasetti di 10 cm di diametro con terriccio universale e sabbia in parti uguali. Inserisci nella terra i rametti per metà della loro lunghezza. Posiziona i vasi in penombra e mantieni il terriccio sempre umido, vaporizzando anche le foglie. Attenta a non lasciare ristagnare l’acqua nel sottovaso.
Rinvaso. A fine estate più della metà delle talee avrà radicato: te ne accorgi perché emettono nuovi rametti. Lasciale in posizione riparate per l’inverno e a primavera potrai rinvasare le nuove piantina in vasi più grandi.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s